Home » Notebook

Apple MacBook Pro 13

29 giugno 2011

Tutta la linea dei nuovi MacBook ha usufruito dell’introduzione dei nuovi processori Sandy Bridge, tuttavia il nuovo Apple MacBook Pro da 13 pollici è quello che maggiormente ha beneficiato di questa innovazione.

Il notebook si presenta con la tradizionale scocca di colore bianco. Di dimensioni piuttosto contenute, 32,5cm x 22,7cm x 2,41cm, con un peso che si aggira sui 2Kg.

Lo chassis è realizzato interamente in alluminio e dispone di maniglia per il trasporto e dal punto di vista estetico risulta identico ai sistemi delle generazioni precedenti.

Tuttavia elementi caratterizzanti di questa serie sono la tastiera retroilluminata a led ad elementi isolati, il trackpad multitouch di ampie dimensioni e la cornice nera lucida attorno al display.

Dal punto di vista hardware tuttavia sono state fatte le maggiori migliorie. Il notebook da 13 pollici è dotato ora di un precessore Intel “Sandy Bridge”. Nello specifico il modello in esame monta un processore Intel Core i7-2620M a 2,7 GHz che integra anche una GPU di classe Intel HD Graphics 3000. Sono quindi abbandonate definitivamente le soluzioni Core 2 Duo.

Sul fronte della GPU tuttavia, nonostante la soluzione adottata garantisca delle prestazioni di tutto rispetto, il fatto di affidarsi esclusivamente alla GPU Intel HD Graphics 3000 non permette di sfruttare il supporto OpenCL.

La RAM del notebook è invece composta da due moduli SoDIMM DDR3 da 2Gb ciascuno a 1333MHz di frequenza per un totale di 4Gb di memoria complessiva.

Storage affidato ad un hard disk SATA da 500 Gb con velocità di rotazione di 5400 giri al minuto e buffer da 8Mb. Il dispositivo dispone inoltre di sensore di movimento che preserva le testine in caso di urti o cadute accidentali.

L’unità ottica è invece costituita da un lettore Superdrive 8x in grado di leggere e scrivere su supporti DVD±R DL, DVD±RW e CD-RW.

Il MacBook Pro 13 è provvisto di un display LCD retroilluminato al LED dalla risoluzione di 1280×800 pixel. La parte superiore della cornice nera che contorna il pannello ospita una webcam “FaceTime” HD con risoluzione 720p.

La retroilluminazione ha 16 livelli di regolazione che vanno dai 4,196 nit ai 246,876 che consentono di adattare la luminosità alle più varie condizioni di utilizzo; inoltre il contrasto ha un rapporto pari a 275:1 e la saturazione dei colori è ottima.

Dal punto di vista delle connessioni di input e output il MacBook Pro 13 dispone di un connettore RJ45, una porta Firewire 800, una porta Thunderbolt, due connettori USB 2.0, uno slot per schede SD ed infine un connettore minijack per l’uscita audio. Tutte queste porte sono collocate sul lato sinistro del dispositivo mentre sul lato destro è presente l’accesso dell’unità ottica di tipo slot-in e all’aggancio Kensington.

Da segnalare l’introduzione della tecnologia di connessione Thunderbolt. Sviluppata da Intel in collaborazione proprio con Apple è in grado di  supportare simultaneamente i protocolli PCI Express e DisplayPort con una bandwidth full-duplex di 10 gigabit al secondo. Un singolo connettore Thunderbolt quindi mette a disposizione due canali full-duplex, ciascuno dei quali fornisce una larghezza di banda bidirezionale pari a 10Gbps.

Il connettore è di tipo elettrico ed è in grado erogare fino a 10W di potenza, utile per alimentare altri dispositivi. Tuttavia in futuro si prevede di implementare tale tecnologia per connessioni ottiche che permetterebbero collegamenti estesi fino a qualche decina di metri rispetto ai 3 metri delle tradizionali connessioni elettriche.

Dal punto di vista fisico è identico ad un connettore DisplayPort tuttavia è in grado di supportare sia il protocollo DisplayPort che quello PCI Express, permettendo la connessione di qualsiasi dispositivo periferico. Qualsiasi controller su PCI Express può essere abbinato ad un controller Thunderbolt (SATA, FireWire, USB, Gigabit ecc.). Grazie al protocol mapping dei due protocolli PCI Express e DisplayPort, la periferica Thunderbolt verrà riconosciuta dal sistema come nativa PCI Express o DisplayPort, permettendo di utilizzare i driver standard presenti nel sistema operativo senza la necessità di installare driver specifici.

Infine grazie alla numerose topologie di rete supportate, la tecnologia Thunderbolt permette di connettere al sistema più dispositivi, anche di diversa natura, tramite un singolo cavo.

Per quel che riguarda la connettività il MacBook Pro 13, oltre al controller Gigabit Ethernet, dispone di un modulo Wi-Fi AirPort Extreme e di un modulo Bluetooth 2.1 con Enhanced Data Rate.

Il portatile è alimentato da una batteria da 5800mAh che, a secondo del tipo di utilizzo, garantisce un’autonomia che va dalle 4 alle 6 ore circa . Più capiente del modello precedente l’unità è integrata nel sistema e non è possibile rimuoverla autonomamente.

Il connettore di alimentazione elettrica utilizza il collaudato sistemaMagSafe” che attraverso dei magneti blocca il connettore ma ne permette il rapido scollegamento in caso di strattoni accidentali dello stesso.

E’ possibile, in fase di ordine, configurare il notebook incrementando la memoria RAM fino a 8GB e scegliendo un’unità di storage a stato solido fino a 512MB di capienza. Tuttavia l’esborso per tali opzioni è piuttosto considerevole.

Il MacBook Pro 13 viene venduto con sistema operativo Mac OS X 10.6.6 Snow Leopard con in dotazione l’unità di alimentazione con i due connettori bipolare e Shuko, il disco di ripristino, i manuali ed il certificato di garanzia. Il prezzo va da 1149 euro ai 1449 euro IVA inclusa.

Trova le offerte migliori per l’Apple MacBook Pro 13!!!

Be Sociable, Share!